I manifesti dedicati al Carnevale di Venezia dalla Galleria BAC ART STUDIO, sono sempre stati affidati a Baruffaldi, dal 1981, quando era direttore della manifestazione Scaparro. Altra stagione, certo, rispetto alle trasformazioni successive di questa festa. Venezia ha saputo adattarsi e capire tutte le nuove tendenze e mode, dall’alto della sua Storia centenaria.

Il percorso seguito da Baruffaldi si è invece spesso distinto da questo inseguire mode e tendenze, attento piuttosto alle evoluzioni dell’ ispirazione e del sentire dell’artista. Su questa linea sono apparsi, infatti, dopo i Pulcinella e gli Arlecchini, Angeli “ubriachi” e giocosi, in competizione con i  Miti della contemporaneità. Ma gli stessi Pulcinella e Arlecchino hanno partecipato al gioco, spogliandosi di vestiti e pose tradizionali, per diventare essi stessi audaci protagonisti di questo tempo, indossando jeans, boxer e T-shirt.

Prima o poi Venezia si accorgerà di questi “intrusi” irriverenti e forse troverà modo e tempo per farli conoscere alle vaste platee, molto distratte, degli ultimi carnevali, caratterizzati e celebrati più per le feste di palazzo che per la spontaneità delle calli e dei campielli.The posters of Carnival of Venice from the BAC Gallery ART STUDIO, have always been entrusted to Baruffaldi, since 1981, when he was director of the event Scaparro. Another season, of course, than the successive transformations of this festival. Venice has been able to adapt and understand all the new trends and fashions, from its centuries-old history.
The path followed by Baruffaldi was instead often distinguished from this chase fashions and trends, rather attentive to the evolution of ‘inspiration and feeling of the artist. Along these lines have appeared, in fact, after Punch and the Harlequins, Angels “drunk” and playful, in competition with the myths of modernity. But the same Pulcinella and Arlecchino took part in the game, stripping of clothes and traditional poses, to become themselves daring protagonists of this time, wearing jeans, shorts and T-shirt.

Venice sooner or later will realize that these “intruders” irreverent and perhaps find a way and time to make them known to the vast audiences, very distracted, recent carnivals, characterized and celebrated more for the holiday palace to the spontaneity of alleys and squares .

Notizie simili